Plinius I Boca Le Piane 2007 - VINOalToP
Plinius I Boca Le Piane 2007 - VINOalToP
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Plinius I Boca Le Piane 2007 - VINOalToP
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Plinius I Boca Le Piane 2007 - VINOalToP

Plinius I Boca Le Piane 2007

Prezzo di listino
€95,00
Prezzo scontato
€95,00
Prezzo di listino
Esaurito
Prezzo unitario
per 
Imposte incluse.

Denominazione: Boca DOC

Vitigni: Nebbiolo 85%, Vespolina 15%

Gradazione: 14%

Formato Bottiglia: 0.75L

Temperatura di servizio: 18 °C

Rubino leggermente più intenso, naso più fine, paradossalmente più… “da 2010”, con note marine, meno cuoio e più finezza. Aereo, lieve al naso, non si vorrebbe smettere mai di annusare le sue profondità lievi, in bocca ha uno sviluppo incredibile per compattezza ed eleganza. Ha la nota agrumata del Boca (pompelmo, bergamotto, arancia rossa), a cui aggiunge note di erbe amare e aromatiche mediterranee, una brezza mentolata che ricorda il duro di menta… Ha una trama fittissima, freschezza marina, note di anguria appena tagliata, note sanguigne e ferrose, sapidità eccezionale.

Il Plinius è nato da una circostanza accidentale: una partita di nebbiolo per il Boca era stata messa a fermentare in una vasca aperta in acciaio. Ma era una vasca coibentata: dopo 4-5 giorni di fermentazione le temperature erano alle stelle e continuavano a salire, i mosti impazziti erano arrivati ai 38 gradi. Su tutti i manuali di enologia, si dice che oltre i 35 gradi la fermentazione si arresta. Ed in effetti, raggiunto il picco dei 38 gradi, si è interrotta, con ancora 12 grammi di zucchero residuo per litro. Al trentesimo giorno, Christoph ha svinato e messo il vino al caldo (altra mossa vietata dai manuali, perché in quei frangenti si rischia che si sviluppi l’acetica). Da ottobre 2007 al gennaio successivo, il vino ha riposato a 20 gradi costanti, fino a che in gennaio i gradi Babo erano scesi a zero, e quindi tutti gli zuccheri erano stati lentamente consumati: all’assaggio, racconta Künzli, sembrava un montepulciano ossidato, con sentori di prugna cotta… Ma mai arrendersi, dato che da lì in poi, all’assaggio il vino migliorava lentamente, e le note di prugna cotta sparivano. Fino a che al terzo anno si è deciso di prolungare la permanenza in legno. Al quarto anno, il vino ancora si “muoveva” in botte, facendo salire qualche rara bollicina dal colmatore. Ancora un anno di legno, per arrivare a cinque. Ingentilito da un taglio di vespolina (si tratta quindi di un Boca a tutti gli effetti), e da una lunga permanenza in bottiglia, ecco questa meraviglia. Künzli riassume con tre parole la vicenda del Plinius: rispetto, progetto, attesa.

Il nome: Christoph è rimasto affascinato dalle pagine di Plinio il Vecchio, scrittore latino (autore della Naturalis Historia) che per primo aveva nominato il vino di Boca; la sua curiosità, il suo interesse per la natura e per le cose nuove trovavano un parallelo nella curiosità e nello spirito di scoperta che aveva fatto nascere un grande vino da dei mosti impazziti.
2000 bottiglie e 600 magnum, ecco la quantità di Plinius messa in commercio.

«Siamo consapevoli che è un prezzo alto, ma è il nostro modo per dare un messaggio ben preciso: il Boca può arrivare a questi prezzi perché può raggiungere le vette qualitative dei grandissimi vini italiani e francesi». Vale la pena ricordare le parole di un grande uomo del vino piemontese, Camillo Benso di Cavour che nel 1845 riferendosi ai vini di Sizzano (denominazione nebbiolesca poco più a sud di Boca, ma su suoli argillosi) ebbe a dire: «…confesso ingenuamente che l’ottimo vostro vino di Sizzano mi ha quasi convinto della possibilità di fabbricare in Piemonte vini di lusso. Cotesto vino possiede in alto grado, ciò che fa il pregio dei vini di Francia e manca generalmente ai nostrani, il bouquet. Il bouquet del Sizzano non somiglia a quello di Bordeaux, ma bensì al bouquet del Borgogna, il quale per certe qualità prelibate come il Clos-Vougeot e il Romanet, gode la primizia su tutti i vini di Francia.